BLOG

Modello 231 responsabilità penali e amministrative degli enti


news del 20/06/2019

DI CHE SI TRATTA

I l Decreto Legislativo 231/2001 introduce la responsabilità amministrativa e penale per società, enti e organizzazioni, con o senza personalità giuridica, per reati posti in essere da Amministratori, Dirigenti e/o Dipendenti nell'interesse o a vantaggio dell'azienda stessa.

 

Ciò significa che l’ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio, e risponde dell’illecito insieme all’autore materiale dello stesso.

    

CHI RIGUARDA

Le disposizioni del Decreto si applicano a:

- Società;

- Enti con personalità giuridica;

- Associazioni anche prive di personalità giuridica

 

L’ente è responsabile per i reati commessi, nell'interesse o a vantaggio dell'ente stesso, da:

- Amministratori;

- Dirigenti;

- Dipendenti.

 

QUALI SONO I REATI

Le tipologie di reato sono molto varie e coprono, teoricamente, tutte le aree di attività di una impresa. Si trovano infatti, a titolo di esempio:

- reati contro la salute e la sicurezza sul lavoro

- reati contro la Pubblica Amministrazione

- reati societari

- delitti contro l’industria e il commercio

- delitti contro la personalità individuale

- illeciti ambientali

- reati di criminalità informatica

- manipolazioni del mercato e abuso di informazioni privilegiate

-delitti di razzismo e xenofobia

- reati di impiego di cittadini di paesi-terzi il cui soggiorno è irregolare

 

QUALI SONO LE SANZIONI

Ci possono essere pesanti conseguenze per l’illecito riconosciuto:

- sanzioni pecuniarie (a partire da 25.000 Euro)

- l’interdizione dall’esercizio dell’attività

- l’esclusione o la revoca di agevolazioni, finanziamenti o contributi

- il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione

- la sospensione o la revoca di autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell’illecito.

 

COS’E’ IL MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE

Il Modello di organizzazione, gestione e controllo, ai sensi del d.lgs. n. 231/2001, d'ora in avanti Modello 231 - è l’insieme delle regole e delle procedure organizzative dell’ente volte a prevenire la commissione dei reati.

La legge non dà alcuna obbligatorietà riguardo alla sua predisposione e alla sua adozione.

 

Per essere efficace è necessario che tale documento sia "cucito" sulla singola realtà di ciascun ente, attraverso uno studio dell’organizzazione aziendale, al fine di identificare quali aree possano presentare maggiori rischi.

Alla fine di questa analisi, viene redatto il Modello 231, che introduce le misure e le procedure da adottare affinché l'ente possa evitare che vengano commessi reati.

 

COS’E’ L’ORGANISMO DI VIGILANZA

Il Modello 231 deve essere attuato in modo efficace.

Per questa ragione è necessario che sia istituito un apposito Organismo di Vigilanza, incaricato di vigilare in modo autonomo sul corretto funzionamento e sulla corretta osservanza del Modello 231.

La composizione dell’Organismo deve essere realizzata tenendo presente quella che è la realtà dell'ente e dei potenziali rischi emersi nel Modello 231; è importante che l'Organismo mantenga autonomia e indipendenza proprio per avere una efficacia sul controllo e sulla risoluzione dei rischi.

L'Organismo è infine il punto di riferimento per la ricezione di tutte le segnalazioni e indicazioni utili a cambiare e migliorare il Modello 231.

 

LA NOSTRA PROPOSTA

La nostra proposta intende essere la più sicura e allo stesso tempo rassicurante per tutti gli Enti.

Non intendiamo far perdere tempo ai nostri interlocutori, ma cerchiamo di dedicare tutto il tempo necessario finché il nostro cliente non si senta soddisfatto.

Pensiamo di poter garantire un approccio efficace e concreto, considerata la professionalità del nostro team e la sua estrazione multidisciplinare.

Si inizia con un incontro, si conoscono le persone e le realtà lavorative, solo in seguito viene redatto il Modello 231, cucito in modo sartoriale sulle esigenze e sulle caratteristiche proprie dell’Ente.

In base a tali caratteristiche suggeriamo una determinata formazione per il personale e ci impegniamo affinché l’Organismo di Vigilanza abbia una adeguata utilità e una reale efficacia.

Intendiamo rappresentare dei partner stabili e affidabili, su cui poter contare nel tempo.

 

CONTATTI

 

Avv.Paolo Moscatelli - 328 8263931

avv.paolomoscatelli@gmail.com

 

Claudio Gallerini - 320 0503589

claudio.gallerini@gmail.com

 


leggi altre news

Vuoi scambiare documenti con lo studio?


Scarica Google Drive e richiedi a info@studiopoli.net una cartella condivisa

Studio Poli & Associati
Commercialisti - Revisori Contabili 

Indirizzo: Via IX febbraio 7 - 50129
Località: Firenze - Italia
Tel: 055 476974
Fax: 055 476975
info@studiopoli.net

ORARI UFFICIO
dal Lunedì al Giovedì: 9:00 - 13:00 / 15:00 - 19:00
Venerdì: 9:00 - 13:00